• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

prima esperienza ciclidi

davics

Utente
Ciao a tutti, pronto prontissimo a fare incetta di consigli.

Ho da anni un biotopo asiatico che mi ha stufato e vorrei aumentare il litraggio.

Penserei di andare su una cosa 150x60, ahimè difficilmente potrò andare oltre per motivi di spazio, forse rosicchierò altri 5-10cm in più su un lato ma non di più. Siccome devo comprarla dovrò prendere anche il mobile in alluminio e l'ho già addocchiato su algo alluminio.

Allestimento
Andrei sul malawi, per i colori pazzeschi sopprattutto! (I tropheus del tanganica hanno una forma ancora più bella ma come colori insomma....)

Le prime conferme sono se va bene la sabbia edile.
E anche le rocce di fiume quelle molto rotondeggianti, dato che sono gratsis e la scelta è enorme non vedo perchè andarle a comprare.
Ho letto altri post in cui si dice che no ci sono problemi ma volevo una conferma ufficiale anch'io.

Filtro
Non pochi usano la sump stile marino, va bene caricarla con spugna prima e cannolicchi poi? Deve essere buia? Quanti litri è bene che sia?

Temperatura
Sarà in un fondo che in inverno non è riscaldato... Sotto quanto non si deve scendere??

Luce
Ho due plafoniere 2x39, dovrebbero andare bene.

Flora
Nonostane tutto, vorrei provare a piazzare un po' di vallisneria (che se non sbaglio si trova nel lago) nella zona dietro, non so bene dove, forse negli angoli.Ad ogni modo vorrei metterla, il problema è che essendo un fondo inerte come la fertilizzo? Tabs si può fare nonostante i pesci scavino?

Fauna
Ditemelo voi, c'è troppa scelta. Scherzi a parte qualcosa oltre i soliti più famosi, vedi demasoni e cerules ecc.. E A livello di abbinamenti qualcosa da evitare?



le jeux son fait! Mi pare tutto, ora sta a voi.
 
Sembra di aver capito che si tratterebbe di una vasca mbuna, quindi molte rocce di varie dimensioni da mettere in modo opportuno.La sabbia edile va benissimo.La luce che hai va bene anzi forse basterebbe anche un solo tubo da 39w.La temperatura non dovrebbe mai scendere sotto i 20 gradi.La flora per gli mbuna è del tutto superflua, servirebbe solo come abbellimento estetico.Per la sump non ne so molto ma certamente assicura un ottimo filtraggio.Per i pesci da allevare prova a mettere giu una lista di quelli che ti piacciono e gli esperti ti sapranno suggerire i migliori abbinamenti.
 
Non sarebbe full mbuna ma un mix se possibile. Bellissimi esempio iodotropheus sprengere , Labeotropheus fuelleborni katale e metriaclima mpanga.

Tendenzialmente la penso così: il tanganica è bello per la varietà di forme (ma i tropheus con la banda gialla sono favolosi anche come colore), mentre il malawi per i colori.

Questa sarebbe la prima decisione, però se ne parlerà una volta arrivata la vasca e contando che sarà artigianale ci vorrà un mesetto, volevo partire in anticipo per arrivate pronto al D-Day.


La luce dici che basta una sola centrale lasciando acceso un solo neon? A me sembra pochissimo però mi fido, mi sembra però ''ancora più pochissimo'' perchè io un paio di vallisneria le voglio provare :100: direi almeno accesi entrambi e ce la piazzo proprio sotto. So che non serve ai pesci ma ''abbellire'' un acquario è una cosa importante, altrimenti avremmo tutti i teschi, galeoni e l'areatore col sub!
 
Ultima modifica:
Fare una vasca mista (mbuna-haps) per un principiante non è consigliabile.Se sei orientato sul Malawi scegli una delle due grandi famiglie.
La tua vasca ha buone dimensioni ma la popolazione deve comunque essere scelta bene, gli mbuna non sono tipi pacifici e molto territoriali in genere.
I 39 watt in genere sono piu che sufficenti il doppio sarebbe davvero eccessivo e disturberebbe i pesci alterandone anche il colore.
La vallisneria è una pianta che non gradisce luce intensa e diretta, in genere si mette sullo sfondo dove funge anche da riparo per pesci in difficoltà.
 
Cioè in 500 litri non posso tenere un gruppo di mbuna e uno di haps?
Non ho mai avuto ciclidi dei laghi, ma altri acquari si eh.
 
Si ma spiegami il perchè non è bene tenere entrambi i gruppi del malawi nonostante la dimensioni...
Altrimenti uno nuovo come fa ad appassionarsi ai ciclidi se le risposte sono così?
 
Ultima modifica:
Ciao, come diceva Andrea, almeno all'inizio, è più semplice gestire una vasca full-mbuna o full-haps. In generale, haps e mbuna differiscono per diversi aspetti, non sempre facili da conciliare. I primi sono tendenzialmente carnivori, meno irruenti, meno rapidi nell'accaparrarsi il cibo e più lenti nella crescita. Uno dei problemi con gli mbuna è che tendono facilmente a superare la taglia che normalmente raggiungono in libertà, visto il minor dispendio energetico e il cibo più nutriente: un conto è avere un Labidochromis di 10 cm in fregola, un altro è avere lo stesso pesce di 15 o più che si prende un metro di vasca (e non sto esagerando, anzi...). Se poi li si alimenta con mangimi ricchi di proteine animali il fuori taglia è garantito, se non b/prendono il bloat prima. Viceversa molti haps, se alimentati da mbuna, con mangime prevalentemente vegetale in quantità limitata, possono deperire. Attualmente esistono mangimi, come NLS Cichlid formula, che permettono di risolvere il problema di alimentare adeguatamente gli uni e gli altri, a livello di qualità, ma resta il problema di regolarsi sulle quantità, e lì c'è solo l'esperienza: se invece sai di dover avere il braccino corto o, viceversa, di poter largheggiare un po' di più ti faciliti la vita.
Alcune specie di haps, per diversi motivi, si possono tenere tranquillamente con gli mbuna, ma vanno scelte con una certa attenzione e, almeno inizialmente, eviterei di abbinarli. Magari in un secondo tempo: la vasca è grande, ma non colossale, se vorrai abbinare mbuna e haps, dovresti evitare le specie più aggressive o grandi dei primi (Labeotropheus fuelleborni, Melanochromis grandi o aggressivi come M. auratus, grossi Metriaclima, Tropheops, Petrotilapia...) che comunque spesso richiedono vasche più grandi. L. fuelleborni, M. auratus, Petrotilapia e la maggior parte dei Tropheops comunque non li metterei in meno di due metri per 700 litri.
Fossi in te, mi orienterei inizialmente su uno dei due gruppi, poi sarai sempre in tempo a cambiare qualcosa o spostarti verso un misto in un secondo tempo. Oltre che su uno dei gruppi, dovresi anche orientarti su uno degli ambienti: roccioso, intermedio o sabbioso, fondamentalmente. Tolte poche specie, gli mbuna richiedono rocce, alcuni possono frequentare anche l'ambiente intermedio. Gli haps li trovi in tutti e tre gli ambienti, ovviamente con specie diverse.
Comunque , scegliendo bene il mangime e stando attento alle dosi, Labidochromis caeruleus, L. chisumulae e L. sp. "perlmutt", Iodotropheus sprengerae e Cynotilapia aurifrons sono fra gli mbuna più facili da abbinare a haps di ambiente roccioso in una vasca come la tua, come Protomelas taeniolatus "Namalenje", Aulonocara jacobfreibergi, Sciaenochromis fryeri, Placidochromis sp. "Jalo", Copadichromis borley (quest'ultimo, specie il kadango, diventa un po' grandino).
Però per cominciare ascolterei Andrea... ;)
 
Ultima modifica:
Mi associo integralmente ai consigli di Andrea e Sergio. E, se posso aggiungere, stai attento a quello che puoi trovare sul "tubo". Lì si vedono spesso vasche miste mbuna-haps, ma sono quasi sempre vasche allestite da poco tempo e con pesci giovani. E all'inizio le cose vanno bene. Poi i pesci crescono, diventano adulti e si incattiviscono (specie gli mbuna) e cominciano i problemi seri. Dammi retta: scegli una delle 2 grandi famiglie, poi scegli la specie che ti piace di più. Dopo, i più esperti ti aiuteranno a trovare i coinquilini più adatti... :104:
 
Bellissima spiegazione Sertor, ora inizio a capire le varie differenze. Grazie a tutti tre.


Detto ciò quelli che hai citato per poter provare a fare un mix sono tutti belli (tranne i due labidochromis che trovo banali e il placidochromis), devo anche aggiungere che ho una immotivata ma naturale avversione per i ciclidi blu, tenderei a evitarli il più possibile soprattutto se quasi totalmente blu.
Per il discorso dell'allestimento non sarà un problema se, lo farò in base agli ospiti una volta deciso.

Vorrei però cambiare punto di vista e spostarlo sul tanganica.
A parità di litri, le opzioni sono di più rispetto a un malawi?
È possibile mescolare piu tipi di tropheus (es. ilongi e kiriza) o si rischia l'ibridazione?
E una cosa con tropheus, leleupi, cyprichromis e un conchigliofilo piccolo?

Io seguo i consigli di tutti, altrimenti non sarei qua, però chiedo una spiegazione perché come a scuola se nelle cose si capisce il ragionamento non serve imparare a memoria
 
Se non ti piacciono i pesci blu credo che il Malawi non faccia per te ;)
I Tropheus andrebbero tenuti in gruppi numerosi (almeno 12-15 individui) per attenuarne l'aggressività intraspecifica, quindi due specie in un 150 cm non le vedo tanto bene, non sono pesci piccoli. Per l'ibridazione, questa è sempre possibile se i pesci presentano un pattern simile. Eviterei di abbinarli ai Cyprichromis, almeno in una vasca sotto i 2 metri, per il resto la coabitazione con una coppia di leleupi ed eventualmente un conchigliofilo piccolo (ma non troppo, direi ocellatus) penso sia possibile.
 
Te la butto là: 15 Tropheus duboisi, gruppetto di 5/6 Eretmodus cyanostictus e coppia di Neolamprologus lelupi, che ne pensi?
Allestimento con sabbia fine e tappeto di ciottoli con molte tane per permettere agli Eret, data l’elevata aggressività, di nascondersi, e ai leleupi di metter su famiglia.
Unico neo: i duboisi hanno la testa blu.
duboisi_halembe1.jpg


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
 
Ultima modifica:
Se non ti piacciono i pesci blu credo che il Malawi non faccia per te ;)
I Tropheus andrebbero tenuti in gruppi numerosi (almeno 12-15 individui) per attenuarne l'aggressività intraspecifica, quindi due specie in un 150 cm non le vedo tanto bene, non sono pesci piccoli. Per l'ibridazione, questa è sempre possibile se i pesci presentano un pattern simile. Eviterei di abbinarli ai Cyprichromis, almeno in una vasca sotto i 2 metri, per il resto la coabitazione con una coppia di leleupi ed eventualmente un conchigliofilo piccolo (ma non troppo, direi ocellatus) penso sia possibile.
No dai l'importante è che non sia tutto blu, che comunque mi pare sia difficile. Mi pare invece di capire che le femmine siano tutte grigiastre. Tranne p.saulosi e p. johanni. Nello i.sprengere non ho capito se maschio e femmina sono uguali... Perchè Anche il colore della femmina conta...







Te la butto là: 15 Tropheus duboisi, gruppetto di 5/6 Eretmodus cyanostictus e coppia di Neolamprologus lelupi, che ne pensi?
Allestimento con sabbia fine e tappeto di ciottoli con molte tane per permettere agli Eret, data l’elevata aggressività, di nascondersi, e ai leleupi di metter su famiglia.
Unico neo: i duboisi hanno la testa blu.
Se andrò sul tanganica come tropheus metterò i moori, ilangi o ikola su tutti. Gli eret non mi piacciono mentre il leleupi è già fra i papabili, e anche il conchigliofilo che dice Sertor è molto bello.
 
Negli haps effettivamente è così, femmine color Tanganica (grigie...). Negli mbuna invece le specie con femmine colorate ci sono: oltre a quelli che hai ricordato, Pseudotropheus acei, Chindongo demasoni, Labidochromis sp. Perlmutt e caeruleus (non solo quelli gialli) Metriaclima koningsi, estherae, msobo, tutti gli OB morphs., Melanochromis cyaneorhabdos.....
Però l'idea è la foto di Luca farebbe venir voglia di Tropheus a chiunque. Poi lui ha un ceppo di duboisi fuori dal comune.
 
Io continuo a tifare Tanganika, ti lascio un video dei miei duboisi. In vasca con loro c’è una coppia di Variabilichromis moorii (e un Petrochromis trewavasae in esilio). [emoji14]
Perdona il vetro frontale non presentabile. [emoji23]


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
 
Ultima modifica:

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2023
• Tropheops sp. ‘macrophthalmus chitimba’ Chitimba Bay Deep, un giallo alternativo di Mattia Picciolo
• Il Belgio e il cuore dell’Africa – una visita al MRAC, Musée Royal de l’Afrique centrale di Enea Parimbelli
• La micobatteriosi nei pesci d’acquario, un problema complesso. di Gianpiero Nieddu
Arretrati

Indietro
Alto