• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Nuovo laghetto "macropodus"

spesso si parla di filtri per laghetto autovostruiti ma è la prima volta che ne vedo uno, complimenti :D
 
Beh, per queste soluzioni trovi in me un estimatore......e concorrente.
Ormai ho una stanza intera adibita ai vari pezzi di plastica, tubi, raccordi, spugne etccc del "Non si sa mai" o "Magari forse un giorno", il tutto per la gioia di mia moglie.......
Bel filtro, ovviamente sai già che il giorno che lo tiri in secca creerai un bell'effetto "nebbia in Val Padana" per il laghetto......ma questo è il bello dei nostri giochi;)
 
Ciao Nicolo', all'effetto nebbia ci avevo pensato infatti sto' cercando un secchio in plastica nera della larghezza giusta e che sia alto al massimo una quarantina di cm, non risolve ma potrebbe aiutare!
 
se resiste fino all'autunno nebbia o non nebbia il laghetto va svuotato, giusto?
 
Perchè lo vuoi svuotare? Certo se ci metti dei pesci tropicali li devi catturare e spostare al coperto prima dell'arrivo del freddo, se no il laghetto può andare avanti anni senza essere svuotato, magari per pulirlo.
 
mi sa che c'è scritto qualche risposta in su che lo userà per "svernare" i ciclidi
 
Sì certo, però volendo dopo lo si può riallestire[:p], io una volta tolti i Ciclidi lo riempio di nuovo e ci lascio le koi ed i carassi
 
si, sarebbe giuasto riallestirlo e non lasciare uno scavo in giardino... ma a quel punto la nebbia non darebbe fastidio a nessuno

anche a me piacerebbe avere un laghetto e forse in un non lontano futuro ci riuscirò. Sinceramente non ho ben capito il discorso di metterci i ciclidi, forse voi siete pieni di avanotti.... io metterei solo piante e al massimo qualche pesce rosso.... forse una tartaruga [^]
 
Durante i mesi caldi si possono trasferire i ciclidi e non solo nel laghetto, come per una vacanza. Crescono, mangiano meglio, sono costretti a nuotare di più, insomma i vantaggi sono tanti... non è detto che non possano convivere con pesci rossi ed altri animali che vivono tutto l'anno all'aperto. Io ho una tartaruga che non è mai riuscita a prendere un pesce, addirittura veniva scacciata dalla Paratilapia che avevo...
 
Io adesso come adesso avrei paura a mettere i miei pesci all'aperto. Capisco che gli fa bene ma avrei paura di perderne qualcuno. Però mi sa che non faccio testo, ne ho solo 7 [:I]
 
Non è questione di numeri, qualche perdita la devi mettere in conto se si tratta di soggetti vecchi od indeboliti dalle malattie. Però è successo che io per un po' di anni di seguito ho messo nel laghetto un vecchio Chalinochromis un po' curvo pensando che a settembre non l'avrei ritrovato ed invece al momento del ripescaggio se ne usciva fuori tutto pimpante...
 
Nel mio caso il laghetto lo uso esclusivamente per far crescere e riprodurre i miei ciclidi all'aperto...A settembre svuoto l'invaso pesco i pesci, lo pulisco lo riempio lo copro e me lo ritrovo pronto per il prossimo aprile momento in cui le ninfee ricominciano a "germogliare" ....Il fatto di essere titubante nel lasciare all'aperto i miei pesci e' piu' che normale ma una volta vinte le prime perplessita' non ci si ferma piu'..Sono talmente tanti i benefici che qualche perdita la si puo' tranquillamente mettere in conto...A me e' capitato piu' di una volta,di mettere" fuori" elementi che stavano per passare a miglior vita e di ripescarli qualche mese dopo,talmente belli da non distinguerli da quelli dominanti...Mi e' anche capitato(molto raramentre pero') di perdere qualche esemplare bellissimo e che non dava segni di sofferenza. L'unico problema che si puo' verificare in laghetto e' il famigerato quanto raro,crollo di ossigeno(esperienza dell'anno passato) a cui penso di aver trovato rimedio con un aereatore da far funzionare nelle ore notturne tramite timer...Paradossalmente piu' e' piccolo l'invaso piu' sara' semplice affrontare questo problema in quanto aereatori di grandi dimensioni sono piu' difficili da trovare in commercio, piu' cari e...piu' rumorosi, comunque a tutto c'e' rimedio...Si puo' anche ovviare al problema con un timer tipo quelli per l'irrigazione che effettua un "cambio parziale d'acqua" riossigenando il bacino...
 
In attesa delle foto e video del prossimo ripescaggio una piccola anticipazione video fatta al volo con il cell da Angelo nei giorni scorsi:
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QoDYNet_T4I[/youtube]
salut
 
e si! dopo tutti i bollettini di guerra che si sentono in giro.... [8D] facendo sempre scongiuri tripli con avvitamento e salto carpiato:D
e senza lampada UVA.... [8D]hehehe ma noi ci piacciono le cose naturali e se l'acqua e pò verde, pace i pesci ci sguzzano meglio!!!
 
Ammazza che bei tonnetti!!! Stanno veramente in forma??
Da quanto tempo sono fuori? e quanto hanno guadagnato già in taglia??
 
ecco il bello del laghetto!!!

Un paio di curiosità:

- cos'è il galleggiante bianco a fianco della pompa? Serve a bloccarla quando cala il livello dell'acqua?

- sbaglio ho i pesci con la coda rossastra sono Macropodus?

Grazie,

Ciao
 
No Paolo, e' semplicemente un termometro per piscine che ho trovato al supermercato in offerta...Quelli con la coda rossa sono Macropodus e' il mio pesce preferito,bello e robusto. Ha pochissime esigenze(l'inverno lo tengo in vasca senza riscaldatore) si riproduce con molta facilita'e,cosa molto importante, e' un grande mangiatore di larve di zanzara e planarie...
Il resto della combriccola e' composto da: Piccoli di Labidochromis caeruleus(Hanno raddoppiato la taglia)
Piccoli di perspicax(questi sono quelli che sono cresciuti di piu'e piu' alla svelta)
Demasoni adulti (parecchi sono gia' in taglia)
Pespicax adulti
Piccole Aulonocara(non so' quali, sono di Luigi)
Saulosi in crescita ma gia' i maschi virano!!!
To be continued....
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2023
• Tropheops sp. ‘macrophthalmus chitimba’ Chitimba Bay Deep, un giallo alternativo di Mattia Picciolo
• Il Belgio e il cuore dell’Africa – una visita al MRAC, Musée Royal de l’Afrique centrale di Enea Parimbelli
• La micobatteriosi nei pesci d’acquario, un problema complesso. di Gianpiero Nieddu
Arretrati

Indietro
Alto