• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Lago vittoria: Yssichromys piceatus

Buonasera a tutti manca poco ormai all'arrivo di una coppia di Yssichromys piceatus. Consigli per il layout?

Ciao,
puoi tenerlo come vuoi, anche con pochi ripari perché non ha aggressività intraspecifica molto alta. In natura sta (sempre esista ancora) in acqua libera con fondale melmoso. Come mai solo la coppia? Sarebbe un ciclide da tenere in gruppo.

Ciao Enrico
 
Complimenti. Il Vittoria ultimamente trova pochi seguaci. Bravo!

Grazie Livio. Mi sono appassionato alla triste storia del Lago Vittoria. Poi dopo aver visto, un po’ di tempo fa, il documentario “L’incubo di Darwin” provo a far qualcosa. Sto raccogliendo tante informazioni magari torneranno utili sui ciclidi di questo Lago.
 
Ciao,
puoi tenerlo come vuoi, anche con pochi ripari perché non ha aggressività intraspecifica molto alta. In natura sta (sempre esista ancora) in acqua libera con fondale melmoso. Come mai solo la coppia? Sarebbe un ciclide da tenere in gruppo.

Ciao Enrico

Grazie Enrico. I ciclidi sono arrivati oggi dopo il lungo viaggio e qualche ora di adattamento maschio e femmina stanno sempre assieme. Il maschio non mostra segni di aggressività e si inizia a colorare (o perlomeno il corpo sta diventando con la pinna caudale rossa). Vediamo come prosegue.
 
E' una delle specie di ciclidi più facilmente vulnerabili e facile preda delle perca. Anche una reintroduzione (cosa comunque sempre da evitare con pesci d'acquario) non porterebbe a nulla. Qualche possibilità con i ciclidi delle rocce o dei canneti ma anche qui hai i giovani perca in gruppi numerosissimi che li aspettano al varco per ore.

Ciao Enrico
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zucchero
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto