• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Africa occidentale biotopo ma non troppo

Palmlu

Utente
Dopo aver accarezzato e abbandonato, perché eccessivamente dispendiosa, l'idea di passare a un marino sono in procinto di mandare in pensione la mia vecchia vaschetta da 35 lt nella quale ho allevato una coppia di Ram e che adesso ospita un betta per passare ad una vasca più grande .
L'acquario che vorrei prendere (ho trovato un buon prezzo online) è un Aquatlantis Fusion 100 da 184 litri che misura 100x40x60 (coperchio compreso).
L'illuminazione è a led con una barra easy led da 44w di cui ho letto in gran bene e che dovrebbe consentirmi di tenere anche piante un po' più esigenti .
Il filtro è un biobox2 con pompa da 600lt ora (un po' al limite per le dimensioni della vasca), a proposito qualcuno lo conosce? Le cartucce, almeno quelle dei supporti biologici e della lana, sono apribili?
Fatta la premessa sulla vasca passiamo all'allestimento, vorrei tenere una coppia di Pulcher, una di Anomalochromis e una decina di Penacogrammus interruptus più due o tre neritine che nella vaschetta piccola hanno fatto miracoli contro le alghe.
Pensavo a un fondo in fluorite che costa un po' ma non lo tocchi più (il cavo riscaldante serve o no?) e a due grosse radici che si sviluppano in verticale da mettere ai lati e attorno alle quali creare due ambienti distinti per le due coppie di ciclidi.
Come piante ho letto che del biotopo fanno parte le Anubias (quelle enormi non mi piacciono), il Bolbitis, la Vallisneria e poco altro, aggiungerei quindi qualcos'altro ma senza esagerare in quanto non mi piacciono gli acquari che somigliano a delle serre.
Qualche consiglio per creare accostamenti di piante esteticamente gradevoli e dall'aspetto il più naturale possibile?
Come rocce pensavo a delle Dragon stone e qualche lastra di ardesia per gli Anomalochromis.
Per la Co2 pensavo a un easy sistem pro di Askoll.
Lo sfondo infine, ho sempre usato quello nero ma in foto vedo tanti acquari che lo hanno bianco opaco ed è luminosissimo, pensate sia la scelta giusta e se sì, dove si può acquistare? Quello nero andrebbe meglio per occultare il filtro interno che è sul vetro posteriore ma quello bianco mi intriga molto.
Sto sbagliando qualcosa? Sono ancora in tempo per rimediare!
 
Ultima modifica:

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Ciao, io userei uno sfondo scuro che mi pare mettere a più agio i pesci. Come fondale io sono per la sabbia da muratore negli strati più superficiali.
 

Miles

Moderatore
perchè al posto dei pulcher non provi qualche varietà ti taeniatus o subocellatum?
il nostro socio Pinotti ha dei taeniatus nigeria red molto belli, li ha riprodotti, a maggio ne aveva parecchi, dovrebbe essere presente a Torino
miles
 
Ultima modifica:

Palmlu

Utente
Grazie, sto prendendo in considerazione anche le diverse sottospecie di pelvimachromis.
Prima di novembre non potrò inserire pesci però...l' acquario arriva entro la fine di ottobre, purtroppo.
L'unica cosa positiva è che dovendolo ordinare alla casa madre me lo sono fatto arrivare con il mobile spesso 40 mm (che in Italia è difficile da trovare).
 

Sertor

Moderatore
secondo me invece in un acquario di pesci di acqua tenera la CO2 aiuta, fa crescere più velocemente le piante con effetti benefici sulla qualità dell'acqua e aiuta a stabilizzare il pH su valori leggermente acidi senza usare torba o altro, o comunque limitandone l'uso.
 

Sertor

Moderatore
Anch'io la ritenevo superflua, poi ho trovato un impianto di seconda mano, ho provato e... mai più senza ;), tranne in vasche Malawi, Tanganica o simili. Piante "banali" come la Vallisneria crescono più belle, più rapidamente e asportano più inquinanti. Quando si pota si portano fuori vasca i fosfati e i nitrati immagazzinati sotto varia forma dalle piante. La crescita delle alghe infestanti si riduce di conseguenza e i pesci stanno meglio, in un ambiente più stabile.
 

Palmlu

Utente
L'impianto di Co2 l'ho preso e quindi lo userò ma con erogazione moderata visto il tipo di piante che andrò a inserire.
Vorrei provare a comporre qualcosa di simile..,IMG_7630.JPG
 

Palmlu

Utente
Oggi sono stato in negozio a fare acquisti per il mio hardscape.
Questo è quello che ho fatto in maniera grossolana per verificare la stabilità della costruzione e gli ingombri:
image.jpeg
La foto è presa dall'alto e schiaccia la rocciata e i legni a destra, in realtà i due elementi alti sono uniti dal tronco appoggiato al suolo e si spazio per il nuoto ce n'è a sufficienza.
Avrei voluto prendere legni di mangrovia ma ho trovato solo mopani.
 
Ultima modifica:

Sertor

Moderatore
Io userei legni tutti dello stesso tipo e soprattutto eviterei le rocce, come nel layout dal quale hai preso spunto. Le laviche poi sono abrasive e non mi fiderei più ad usarle, visti i danni che possono provocare ai pesci che le urtino.
 

misidori

Amministratore
Oggi sono stato in negozio a fare acquisti per il mio hardscape.
Questo è quello che ho fatto in maniera grossolana per verificare la stabilità della costruzione e gli ingombri:
Vedi l'allegato 31493
La foto è presa dall'alto e schiaccia la rocciata e i legni a destra, in realtà i due elementi alti sono uniti dal tronco appoggiato al suolo e si spazio per il nuoto ce n'è a sufficienza.
Avrei voluto prendere legni di mangrovia ma ho trovato solo mopani.

Se i miei occhi non mi ingannano....Luigi dalle mattonelle del negozio e qualche altro particolare sei stato a fare acquisti a Macerata?:3:

Considera che i mopani galleggiano e quindi devi farli affondare opera che richiede settimane,in più sicuramente ti colorano l'acqua molto più delle radici di mangrovia...
 

Palmlu

Utente
Sì, sono stato a Macerata e avevano solo quelle, purtroppo.
Su internet non me la sento di comprare i legni che poi magari non sono adatti a ciò che voglio fare.
Oggi gioco ancora un po' con la composizione (per adesso ho fatto questo
IMG_4697.JPG
ma devo spostare il legno di destra a coprire la rocciata e raddrizzare i tre legni in verticale a sinistra)
e poi le metto a mollo per un paio di settimane tanto l' acquario arriva a fine mese.
Nella vasca che ho preso come spunto le rocce laviche ci sono eccome, dietro al tronco di destra e fanno da sfondo alle epifite incastrate su di esso, mi piacciono molto anche perché, praticamente mi nascondono tutto il filtro.
Ma il mopani oltre a metterlo a mollo devo anche bollirlo?
Con questa composizione, secondo voi, il ghiaino 1/2 mm marrone va bene?
 

Allegati

  • IMG_7765.jpg
    IMG_7765.jpg
    230,1 KB · Visite: 20
Ultima modifica:

Palmlu

Utente
Piccole modifiche, ho inserito anche la noce per i pulcher mentre dall'altra parte metterò dei sassolini di ardesia per gli anomalochromis.
Le radici che simulano il tronco sdraiato sul ghiaino verranno interrate per livellarle mentre proverò ad alzare il livello del fondo dal lato dei legni.
Pensate sia meglio incollarle le rocce? La costruzione di legni in verticale mi sembra abbastanza stabile, non c'è mica il rischio che affondondi da una parte sbilanciandosi?
Adesso metto a bagno i legni...
IMG_7780.jpg
 

misidori

Amministratore
No i legni non bollirli...magari mettili a bagno con un bel peso sopra....io utilizzerei sabbia ...non serve che incolli niente....considera che le piante "epifite"ci metteranno del tempo a fissare le radici sui legni e rocce....
 

Palmlu

Utente
I legni sono a bagno e nel secchio affondano senza problemi.
La rocciata (in tutto 3,5 kg) devo metterla sul vetro di fondo per evitare il rischio crollo e poi aggiungere la ghiaia o posso appoggiarla direttamente sul fondo gìa posizionato?
Nel primo caso mi servirà un'altra roccia perché diventa troppo corta sennò...
Il legni in verticale invece li faccio affondare un po' nel ghiaino ma non credo ci siano problemi
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zucchero
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto