• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

vi è mai successo?

pancho2018

Socio AIC
sto notando che la femmina fryeri iceberg, ha la punta del muso il blue elettrico tipo del maschio...
ovviamente penserete ad un altro maschio, ma vi assicuro che è una femmina per anatomia al 100% e quindi può essere un'anomalia o cos'altro?
segno di dominanza? è ancora sui 6/7cm ma è bastardissima con chiunque nella vasca.
Che dite? grazie in anticipo
Marco
 

Sertor

Moderatore
Mi è capitato abbastanza spesso che le femmine fryeri avessero un po' di blu sul muso. Va anche un po' a momenti, a volte è più evidente, a volte sparisce o quasi.
 

Hank

Socio AIC
Ciao, non ho mai allevato haps, mi è capitato invece con una coppia di Metraclima zebra gold Kawanga che la femmina picchiasse di brutto il maschio e ne prendesse le sembianze, tanto che a stento riuscivo a riconoscerli. Per fortuna crescendo si è calmata.

Inviato dal mio Pixel 3a utilizzando Tapatalk
 

pancho2018

Socio AIC
Ciao, non ho mai allevato haps, mi è capitato invece con una coppia di Metraclima zebra gold Kawanga che la femmina picchiasse di brutto il maschio e ne prendesse le sembianze, tanto che a stento riuscivo a riconoscerli. Per fortuna crescendo si è calmata.

Inviato dal mio Pixel 3a utilizzando Tapatalk

a te lo dico, è la più piccola e la più s....a un concentrato praticamente, penso che per gli mbuma non tutti ma una buona percentuale abbiano livree molto simili se non uguali tra maschio e femmina, quindi la paura che fosse un maschio non c'è mai stata oltre al fatto che anatomicamente sono abbastanza differenti fra loro
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zuccaro
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto