• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Nuovo americano: Vieja coatlicue

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Il nome non è ancora valido, mi pare, dato che l’articolo non sembra rispettare le regole (mancata pubblicazione). Credo che sia solo questione di tempo.
 
Il nome non è ancora valido, mi pare, dato che l’articolo non sembra rispettare le regole (mancata pubblicazione). Credo che sia solo questione di tempo.

Si, l'avevo visto ma siccome è una specie che va a compensare le zonata nel lato atlantico ho anticipato i tempi. Io quando vedo i nomi maya o aztechi mi faccio prendere dalla frenesia. Poi qui c'è anche il lato poetico, Giosuè Carducci nelle Odi Barbare (libro I, Miramar) menziona il figlio di Coatlicue, uscito fuori dalla sua pancia mentre lei moriva uccisa dalla figlia. Qui una foto della statua fatta al museo antropologico di Città del Messico. Si può notare la testa anche posteriore:

DSCF2170.JPG

Qui invece la zona delle coatlicue nello stato di oaxaca. Anche se è una specie di un bacino atlantico che sfocia nel golfo del messico qui siamo a pochi km. dall'oceano pacifico.

DSCF1566.jpg



Ciao Enrico
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zuccaro
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto